È ora di entrare a far parte del content marketing: il settore immobiliare sta cambiando e, di conseguenza, anche gli agenti immobiliari devono cambiare il loro approccio.

Molti agenti potrebbero già comprendere la necessità del marketing dei contenuti, ma spesso mi viene chiesto: “Come posso iniziare e creare un piano di marketing dei contenuti?”

Ne parleremo in questo articolo.

Andiamo avanti

Content Marketing in 5 semplici passaggi

È possibile creare un piano di contenuto immobiliare utilizzando i seguenti passaggi.

Marketing immobiliare
Marketing immobiliare

Scegli un argomento e una nicchia

Se sei un agente immobiliare , ovviamente stai cercando una cosa: i lead.

La creazione di contenuti ti offre l’opportunità di generare lead 24 ore su 24, 7 giorni su 7, se puoi creare ottimi contenuti in una nicchia specifica.

Quando sviluppi la tua strategia per i contenuti, non vuoi adottare un approccio ampio e cercare di coprire ogni area del settore immobiliare.

Invece, scegli un argomento e una nicchia abbastanza in basso da darti la possibilità di diventare il percepito “massimo esperto” di quella particolare nicchia.

Ad esempio, potresti iniziare selezionando flipping o immobili di lusso come nicchia di content marketing, più specifica di quella generale, ma ancora non abbastanza specifica. Per restringere ulteriormente il campo, puoi quindi scegliere di concentrarti sugli acquirenti di immobili di lusso.

Ma potrebbe essere ancora troppo ampio.

Quindi, per essere ancora più specifico, ingrandisci ulteriormente. Ad esempio, crea contenuti specifici per i millennial che acquistano immobili di lusso.

Verifica la tua nicchia

Dopo aver scelto una nicchia, è necessario verificare che ci sia interesse dietro.

Che senso ha fare video o scrivere per un pubblico se non c’è nessuno tra il pubblico?

Per verificare la tua nicchia, vai al pianificatore di parole chiave di Google e digita la parola chiave del tuo argomento. Per il nostro esempio, questo sarebbe “immobiliare di lusso”.

Come puoi vedere, gli immobili di lusso ricevono molta attenzione. Ma nota cosa succede quando aggiungiamo i millennial al mix.

contenuti di pianificazione parole chiave google immobiliare di lusso

Come puoi vedere, gli immobili di lusso ricevono molta attenzione. Ma nota cosa succede quando aggiungiamo i millennial al mix.

millennials nel settore immobiliare di lusso

Non sta succedendo molto.

Sebbene la creazione di contenuti sugli acquirenti di case di lusso millenari potrebbe non essere una brutta cosa, probabilmente non dovresti concentrare tutti i tuoi sforzi su di essa.

Prova invece con parole chiave e argomenti diversi che ti piacciono. Se trovi un argomento che ti interessa ma potrebbe essere troppo competitivo, ti dico di provarci!

Ci vorranno più tempo e sforzi per farti risaltare in una nicchia affollata, ma puoi certamente fare progressi con contenuti sorprendenti e link building.

2. Scegli una piattaforma

Dopo aver condotto tutte le ricerche di parole chiave appropriate e aver selezionato una nicchia, è il momento di scegliere la piattaforma o il tipo di contenuto.

Ci sono tre principali piattaforme “pilastro”: blog, video e podcast.

È importante selezionare almeno una di queste piattaforme per tutti i tuoi contenuti principali. È meglio iniziare con uno ed espandere in seguito.

Ogni piattaforma offre caratteristiche, capacità e portata differenti.

Blog

Il blog è la mia piattaforma preferita personale e generalmente il tipo di contenuto più comune in circolazione.

Potresti pensare a te stesso: “Non sono un bravo scrittore”. Tuttavia, non devi essere uno scrittore eccezionale per indirizzare il traffico al tuo sito, a patto che tu scriva chiaramente e modifichi con attenzione.

In effetti, dovresti stare lontano dalla scrittura per esperti, a meno che non sia la tua nicchia particolare. Invece, assicurati di non impantanarti troppo con gergo o dettagli che potrebbero andare al di sopra della testa di un lettore medio. Il punto qui è costruire il tuo numero di lettori e migliorare la tua posizione su Google.

Il blogging è un ottimo modo per farlo in modo da poterti classificare al primo posto per le query di ricerca locali nel tuo mercato.

Video

Il video marketing è diventato la forza dominante dell’ultimo decennio e la tendenza continuerà.

Questo da solo dovrebbe essere un incentivo sufficiente come agente immobiliare per dare la priorità ai video, ma come crei i video e per cosa li usi dipende da te.

Trovo che fare marketing ad altri agenti offrendo loro consigli e suggerimenti per costruire la loro attività sia un ottimo modo per ottenere referral. Ho anche scoperto che i tour di proprietà guidati da agenti sono fantastici per il coinvolgimento e per ottenere contatti con i venditori.

Ci sono molte possibilità da esplorare con il video marketing e diventerà sempre più popolare.

Podcast

I podcast sono cresciuti moltissimo negli ultimi dieci anni. Sebbene non siano ancora diffusi come blog e video, mantengono un pubblico fedele e coinvolto.

Infatti, gli ascoltatori settimanali di podcast trascorrono una media di sei ore e 37 minuti a settimana ascoltando vari programmi e oltre l’80% ascolterà un intero episodio.

Se sei abbastanza coinvolgente da sviluppare un seguito tramite podcast, hai acquisito una base estremamente fedele.

I social media sono un “pilastro”?

In breve, no.

Mentre ci sono molti influencer e creatori di contenuti che hanno costruito il loro intero seguito sui canali dei social media come TikTok o Instagram, dobbiamo considerare che il settore immobiliare non è un interesse mainstream per la maggior parte delle persone.

Il settore immobiliare, sebbene vicino a casa (nessun gioco di parole), non è qualcosa che esploderà sui social media.

Tuttavia, dovresti assolutamente utilizzare i social media come piattaforma per promuovere i tuoi contenuti, per non parlare della pubblicità a pagamento.

3. Brainstorm per idee

La parte più difficile della creazione di contenuti è trovare costantemente idee.

Il tuo primo compito per risolvere questo problema è annotare un mucchio di idee che ti vengono in mente su un pezzo di carta: continua a scrivere finché non riesci letteralmente a trovare nient’altro.

Dopo aver messo per iscritto quelle idee, vai su qualsiasi piattaforma stai utilizzando come pilastro e digita ciascuna idea nella barra di ricerca. Vuoi trovare i contenuti più performanti per quelle frasi chiave.

Il motivo per cui alcuni contenuti si posizionano più in alto di altri è perché Google o YouTube ritengono che abbiano la massima rilevanza per la query di ricerca. I motori di ricerca determinano anche quali pezzi sono della massima qualità in termini di risposta completa alla domanda posta, condivisioni sui social, tassi di fidelizzazione del pubblico, ecc.

Quando inizi a creare i tuoi contenuti, il tuo obiettivo è quello di superare i contenuti con il punteggio più alto replicando sostanzialmente lo stesso contenuto ma con più informazioni e analisi.

La ragione per cui? Hanno già decifrato il codice.

Se il tuo concorrente detiene il contenuto con il punteggio più alto per una query di ricerca, il motore di ricerca lo riconosce come il migliore per quell’argomento.

Se vieni e realizzi contenuti che li replicano ma vanno anche oltre, costringi il motore di ricerca a prenderti in considerazione.

Ora ci sono molti fattori che giocano nel ranking di ricerca. Ma per motivi di semplicità, la replica dei contenuti è il modo più semplice per iniziare a competere per i primi posti.

Se non copi i tuoi concorrenti, allora stai solo lanciando cose contro il muro e sperando che qualcosa si attacchi.

Non NON plagiare i vostri concorrenti. Tocca semplicemente le loro idee con la tua analisi e poi alcune.

4. Pianifica i tuoi contenuti

Tenere un calendario dei contenuti è l’unico modo per assicurarti che i tuoi contenuti vengano pubblicati in tempo.

Sia che utilizzi Google Calendar o un foglio di lavoro per pianificare i tuoi post, assicurati solo di tenerne traccia e di rimanere coerente. Personalmente uso Airtable, che mi consente di passare da una visualizzazione foglio di calcolo a una visualizzazione calendario su richiesta.

Mi piace programmare i contenuti su base mensile in modo da conoscere tutte le mie scadenze in anticipo.

Mi assicuro di distanziare i compiti di scrittura in modo da non catturare il blocco dello scrittore. I miei video dovrebbero uscire un certo giorno ogni settimana (anche se non sono coerente come vorrei) e il mio podcast viene pubblicato ogni lunedì.

L’obiettivo nella pianificazione è assicurarti di sapere cosa deve uscire ogni giorno e di non cercare idee all’ultimo minuto.

5. Restare coerenti

È difficile, ma una strategia di content marketing di successo richiede molta coerenza per un lungo periodo di tempo.

Ci vuole tempo per classificarsi su Google. Ci vogliono tempo e molti video perché il tuo canale YouTube diventi rispettabile e attiri l’attenzione.

La creazione di contenuti funziona come un grafico esponenziale. Non vedi molti risultati per molto tempo. Allora, boom, ce l’hai fatta.

Sii paziente, concentrati sulla qualità, tieni d’occhio la concorrenza, rimani fedele al tuo calendario e i risultati seguiranno.

ad-bookstore

Che tipo di content marketing sei interessato a creare?

Unisciti alla conversazione nei commenti qui sotto!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *