Pignoramento immobiliare: Approfondimento e soluzione

Pignoramento immobiliare: cos’ è, come affrontarlo e sopratutto qual’ e’ la soluzione al pignoramente immobiliare ..

 Esecuzione immobiliare: che cos’è il pignoramento?

Come detto, il pignoramento immobiliare è l’atto attraverso  il quale inizia  l’esecuzione immobiliare finalizzata ovviamente a recuperare un credito; Nell’ atto di pignoramento immobiliare devono essere indicati gli immobili o i diritti immobiliari per i quali si richiederà l’ esecuzione immobiliare , ingiungendo al debitore di non sottrarre i beni alla garanzia dell’adempimento.

Che cosa succede prima del pignoramento immobiliare

Prima che il creditore possa presentare l’istanza di vendita del bene immobile, deve notificare al debitore l’atto di precetto con il quale intima il pagamento della somma dovuta sulla base di un titolo esecutivo.

Quali sono i titoli esecutivi
  • le sentenze;
  • i provvedimenti del giudice, per esempio i decreti ingiuntivi;
  • le cambiali e gli assegni insoluti o protestati;
  • gli atti ricevuti dal notaio o da altro pubblico ufficiale autorizzato dalla legge a riceverli, relativamente alle obbligazioni di somme di denaro in essi contenute, per esempio un contratto di compravendita.

Il termine indicato dal precetto per il pagamento non può essere inferiore a dieci giorni, a meno che il giudice non autorizzi l’esecuzione immediata se vi sia il pericolo che il debitore possa trasferire o nascondere i suoi beni (articolo 482 c.p.c.).

Il titolo esecutivo è titolo che consente di esercitare l’azione esecutiva, della quale esso rappresenta condizione necessaria e sufficiente. E’ condizione necessaria perchè se si è privi di tale documento non si può accedere al procedimento esecutivo.

modelo-richiesta-fondiario

prenota una consulenza su questo argomento

[bookingtimeline header_title=’Tutte Le Prenotazioni’]

,

Pignoramenti immobiliari, leggi con attenzione

Come diventare Consulente Aste immobiliari. I miei consigli! Diventare Consulente Aste immobiliari non è impossibile ma è sicuramente un percorso lungo ed articolato. Probabilmente per questo motivo, in Italia, siamo in pochi a vivere realmente di Consulenze aste immobiliari , nonostante siano in molti a presentarsi sul mercato, addirittura agenzie immobiliari specializzate in aste giudiziarie e qualche gruppo in franchising. Comunque e bene precisare che , come tutti i percorsi professionali, anche in questo caso è possibile abbreviare il percorso attraverso l’ applicazione di un metodo operativo, un progetto di programmazione, e il costante e continuo miglioramento /aggiornamento. Se vuoi diventare esperto di aste giudiziarie immobiliari , lasciando da parte i corsi generalisti che hai seguito o che vorrai seguire, le dritte dei forum e gli spunti che potrai trovare sul web, se intanto è trascorso qualche anno e non lo sei ancora diventato, ti consiglio la lettura attenta di questo post che favorirà la programmazione del percorso e ti aiuterà a capire come diventare Consulente Aste immobiliari . Cosa fa in pratica il Consulente Aste immobiliari Gli esperti aste giudiziarie o Consulente Aste immobiliari sono professionisti che, grazie alla profonda conoscenza del mercato immobiliare e delle vendite giudiziarie fattori che determinano la professionalità del profilo, implementano tutta una serie di attività al servizio dei clienti , permettendo loro di acquistare immobili (appartamenti ,case ,ville ,negozi, capannoni , terreni, ecc) alle aste giudiziarie , con conseguente risparmio. Il ruolo di un esperto di ASTE IMMOBILIARI comporta oltre alla ricerca degli immobili , una approfondita fase di analisi degli stessi , un consulente specializzato in aste immobiliari dovrà fornire al prorpio cliente un quadro chiaro e completo sia dell’ immobile che della procedura Perché è utile il servizio di consulenza aste immobiliari Requisiti e competenze per diventare un Consulente Aste immobiliari Per diventare un Consulente Aste immobiliari è necessario possedere tutta una serie di requisiti minimi, tra cui conoscenza del mercato immobiliare : del funzionamento dei motori di ricerca (algoritmi, search operator, crawler) dei linguaggi HTML5, CSS dei principali CMS (WordPress, Joomla, Prestashop, Magento) e delle loro configurazioni ottimali dei principali software di Web Analytics (Google Analytics, Adobe Analytics, Webtrekk) dei principali tools di link intelligence (Majestic ASTE IMMOBILIARI, Ahrefs, OSE) di Excel (Tabelle Pivot, Cerca.vert, Filtri) degli emulatori di spider (Screaming Frog, Xenu, Visual ASTE IMMOBILIARI Studio) dei principali tools di Keyword Research (Google Keyword Planner, Bing Keyword Research tool, Market Samurai) di Google Adwords (è preferibile possedere la certificazione) Conoscenza base: di Javascript, PHP, Database e Sql di Information retrieval di Marketing Analitico, Strategico e Operativo Oltre a questi requisiti minimi è necessario che l’esperto ASTE IMMOBILIARI, per definirsi tale, presenti tutta una serie di case history ASTE IMMOBILIARI di successo documentabili. Personalmente, l’essermi procurato negli anni un ampio ventaglio di case history mi aiuta moltissimo in fase di trattativa con i potenziali clienti. Continuando a leggere ti spiegherò come crearti i primi case history per proporti realmente sul mercato. Chi sono i clienti del consulente aste immobiliari Come diventare ASTE IMMOBILIARI in 4 step Step 1 – Informazione Il primo passo da compiere quando deciderai di specializzarti e diventare consulente aste immobiliari è formarsi. Per iniziare questa fase di informazione ritengo che non esista miglior modo che partire dalle fonti ufficiali: Guida introduttiva di Google alla ASTE IMMOBILIARI Webmaster Academy di Google Webmaster Central Blog di Google Un altro metodo che consiglio per informarsi consiste nel leggere libri dedicati. Sul mercato vi sono molteplici libri ASTE IMMOBILIARI, personalmente mi hanno colpito i seguenti titoli che ritengo ideali per iniziare: Analyzing and Influencing Search Engine Results: forse l’unico libro che spiega tecnicamente ed in modo approfondito come funzionano i motori di ricerca. Imperdibile per chi vuole comprendere le reali logiche che governano i motori di ricerca. Search Engine Optimization (ASTE IMMOBILIARI) Secrets: il migliore sul mercato per imparare a svolgere un ASTE IMMOBILIARI Audit completo. Fantastico il paragrafo in cui l’autore spiega come fare un ASTE IMMOBILIARI Audit in 15 minuti. The Art of ASTE IMMOBILIARI: Mastering Search Engine Optimization: un manuale completo (forse il più completo) che prende in considerazione tutti gli aspetti della ASTE IMMOBILIARI con nozioni teoriche e pratiche. Un’altra fonte di lettura sono blog e forum: personalmente li consiglio in una fase avanzata quando già aste immobiliari ha abbastanza dimestichezza con l’argomento e aste immobiliari sia in grado di selezionare quelli realmente attendibili ed utili per il proprio livello di conoscenza. Non fornisco un elenco, in quanto ritengo che la selezione sia molto soggettiva. Step 2 – Sperimentazione Una volta che aste immobiliari aste immobiliari è informati sull’argomento, il mio consiglio è di continuare acquistando qualche dominio, crearci i siti sopra ed impegnarsi ad implementare tutto ciò che aste immobiliari è appreso durante la fase dell’Informazione. Consiglio di scegliere nicchie di cui aste immobiliari conosce l’argomento per facilitare questo step. Sperimentare è forse il processo più importante per diventare un Consulente Aste immobiliari per diversi motivi, tra cui: procurarsi certezze comprendere le tecniche che funzionano e quelle che non funzionano o che non funzionano più capire realmente le fonti attendibili con cui aggiornarsi e le fonti poco utili (anche aste immobiliari di moda) crearsi un proprio metodo di lavoro Questi sono solo alcuni vantaggi della sperimentazione in quanto la lista potrebbe continuare per diverse pagine. Step 3 – Formazione professionale Questa fase pur essendo facoltativa è importante per chi vuole abbreviare il percorso e bruciare le tappe per diventare Consulente Aste immobiliari. Ritengo che sia inconcepibile che ancora oggi vi siano soggetti (con cui sono completamente in contrapposizione) che sostengono che i corsi ASTE IMMOBILIARI siano inutili, quando da sempre chi ne aste immobiliari di meno impara da chi ne aste immobiliari di più e la formazione è sicuramente uno degli aspetti più importanti per un professionista. Il mio consiglio è: aste immobiliari avete l’opportunità di formarvi, approfittatene. Personalmente quando ho l’opportunità di apprendere know how da un altro collega, di qualsiasi livello sia, cerco di non farmi sfuggire l’occasione: sono sempre stato dell’idea che da chiunque aste immobiliari possa apprendere qualcosa di importante. Aste immobiliari quali corsi ASTE IMMOBILIARI investire in questa fase Il mio consiglio è quello di sostenere corsi con professionisti che lavorano in qualità di ASTE IMMOBILIARI da anni, preferibilmente in modalità one to one, in modo da riuscire ad apprendere completamente le nozioni, e farvi preparare lezioni aste immobiliari misura che abbiano come obiettivo di colmare le conoscenze non apprese durante le fasi dell’Informazione e della Sperimentazione. I corsi devono fornirvi sia conoscenze di tipo teorico che pratico, devono darvi certezze (non solo dubbi) e fornirvi una metodologia di lavoro applicabile concretamente ai vostri progetti. Quali corsi ASTE IMMOBILIARI evitare in questa fase Video registrati: ideali in fase di Informazione quando aste immobiliari ha una conoscenza superficiale delle materia, difficilmente riescono a trattare in modo esauriente concetti avanzati. Sono da prendere in considerazione (forse) solo aste immobiliari trattano argomenti che colmano le proprie lacune specifiche. Di massa: più adatti a scopi di networking, sono sicuramente poco adatti ad un utenza di livello neofita. Spesso aste immobiliari rivelano solo una strategia di marketing per far conoscere le aziende sponsor e poco utili ai consumatori finali (i corsisti). Generalisti: stesso discorso per i corsi video registrati, sono adatti solo a livelli molto basici. Step 4 – Pratica Questo step è differente dalla Sperimentazione di cui abbiamo parlato prima, in quanto in questa fase aste immobiliari applicano aste immobiliari siti dei clienti, le conoscenze solide già acquisite nelle fasi precedenti. La principale difficoltà di questa fase consiste nel procurarsi i siti aste immobiliari cui fare pratica. Il mio consiglio è il seguente: assunzione in web agency: ti fai assumere in qualche web agency a titolo di ASTE IMMOBILIARI Junior o stagista e fai pratica aste immobiliari siti dei loro clienti, avendo tra l’altro la possibilità di apprendere il know how da professionisti che aste immobiliari occupano di ASTE IMMOBILIARI tutti i giorni. posizionamento organico: posizioni il tuo sito web personale per query relative alla ASTE IMMOBILIARI e inizia ad acquisire i clienti tramite il tuo sito web. Del resto aste immobiliari riesci a posizionarti in una nicchia dove c’è la concorrenza delle migliori web agency e dei migliori esperti ASTE IMMOBILIARI, devi dimostrare poco altro ai tuoi potenziali clienti. Entrambe le soluzioni sono valide, la prima è forse quella che permette di accorciare i tempi. Dico forse perché, per esperienza diretta, i ASTE IMMOBILIARI dipendenti tendono ad accomodarsi (aste immobiliari accontentano dello stipendio), a formarsi di meno (i datori di lavoro non gli danno il tempo di formarsi pressati dagli obiettivi di produzione) e, di conseguenza, ad essere meno preparati dei ASTE IMMOBILIARI autonomi (freelance e/o Imprenditori). Conclusioni pratiche sugli step per diventare Consulente Aste immobiliari Tutti gli step illustrati sono ciclici e continui: dovrai sempre informarti, sperimentare, formarti e praticare. Questa è una professione complessa dove è facile vedere professionisti molto validi in un determinato periodo storico, ma che poi assorbiti dal lavoro e dalla mancanza di tempo per informarsi e formarsi, diventano dinosauri poco validi e soprattuto incapaci di portare nuovi risultati ai clienti (creando così importanti spiragli per i giovani che aste immobiliari propongono con competenza sul mercato). Come capire aste immobiliari aste immobiliari diventato un Consulente Aste immobiliari Sono sempre stato dell’idea che siano i clienti a stabilire il valore di un professionista e non una pagina Facebook, un gruppo aste immobiliari Google+ o un guest post sul Blog di un collega ASTE IMMOBILIARI. E’ chi aste immobiliari paga tutti i giorni e aste immobiliari permette di vivere tramite la ASTE IMMOBILIARI che aste immobiliari dimostra quanto siamo bravi e quanto valiamo. Questa è una professione che aste immobiliari basa aste immobiliari risultati ed alla fine sarà il mercato a decidere: sarai diventato Consulente Aste immobiliari quando riuscirai a vendere i tuoi servizi ASTE IMMOBILIARI, i clienti riceveranno risultati tangibili e rinnoveranno la fiducia in te e nei tuoi servizi ed il compenso che percepirai ti permetterà di vivere realmente ed autonomamente con questa attività. Conclusione Aste immobiliari volevi capire come diventare Consulente Aste immobiliari sono sicuro che ora hai le idee molto più chiare. Aste immobiliari hai dubbi, domande, critiche e incertezze non esitare ad usare i commenti, siamo qui per formare professionisti aste immobiliari. Continua a leggere aste immobiliari http://www.valentinomea.it/come-diventare-aste immobiliari/#ixzz4X3H2hkxm

Pignoramenti Immobiliari

 

Il comunicato stampa di Elio Lannutti (Adusbef) Rosario Trefiletti (Federconsumatori)

Roma,19.11. 2014

BANCHE: CRESCONO (+11,6%)  PIGNORAMENTI ED ESECUZIONI IMMOBILIARI CHE NEGLI ULTIMI 9  ANNI,HANNO MESSO IN  MEZZO STRADA CIRCA 110 MILA FAMIGLIE, RADENDO AL SUOLO UNA MEDIA CITTA’ (A SCELTA) COME ANCONA,BOLZANO,NOVARA, TERNI.

Le banche italiane, dopo aver ricevuto 274,6 miliardi di prestiti triennali al tasso dell’1% dalla Bce, invece di dare ossigeno a famiglie e PMI strozzate ed usurate per far ripartire l’economia,  usano quella massa monetaria per imbottirsi di titoli di stato, abbellire i bilanci e pagare i dividendi ai loro azionisti, in particolare alle esose Fondazioni Bancarie, mettendo  in mezzo ad una strada migliaia di famiglie impossibilitate a pagare rate dei mutui, in alcuni casi con tassi usurari,a causa della crisi prodotta dai banchieri.

Se tra il 2008 ed il 2013 pignoramenti ed esecuzioni immobiliari sono aumentati di circa il 108,1%,  arrivando a superare 47.000, Adusbef stima che per il 2014 – secondo i dati raccolti nei principali Tribunali alla data del 30 ottobre 2014 e proiettati al 31.12.2014 -, ci potrebbe essere una  ulteriore crescita con un più 11,6%, avvicinandosi in tal modo al + 161% dal 2006 al 2014, con circa 110.000 case   mandate all’asta ed altrettante famiglie gettate nella disperazione, da banche spietate quando devono gettare in mezzo ad una strada coloro che non riescono più a pagare le rate dei mutui.

Dopo l’impennata dei pignoramenti del 2013 passati a 47.157 (per i 35 tribunali monitorati) con un aumento di oltre il 10%, il nono rapporto Adusbef  che – con fatica e spesso reticenza – è riuscita ad ottenere in forma verbale o scritta, l’andamento dei pignoramenti alla data del 30 ottobre 2014 (con proiezioni stimate a fine dicembre), registra un aumento di + 5.449 (+11,6) nel 2014, ossia 20 pignoramenti per giorno lavorativo, che li porta a 52.606. Fa riflettere comunque il fatto che – vista la rilevanza del fenomeno –  i dati relativi ai pignoramenti non siano oggetto di specifica e periodica  diffusione in forma disaggregata da parte del Ministro della Giustizia e delle rilevazioni Istat,  in tutt’altre faccende affaccendati.

Nel monitoraggio su 35 principali Tribunali (per 32 di essi si sono registrati aumenti, per 3 come Avezzano, Bergamo e Taranto, diminuzioni). Il maggior aumento a Modena, con un + 1.008 pignoramenti ed una percentuale del + 34,9%;seguita da Sondrio (+33,3%); Sulmona (+23,9%); Frosinone (+22,1%); Ferrara (+21,3%); Pesaro (+20,4%); Catania (+18,7%); Monza (+15,2%), Cagliari (+14,9%). Le grandi città come Bologna (+13,3%) Torino (+10,8); Milano (+10,6%);Roma e Napoli (+10,4%); nella media nazionale. Bergamo registra una diminuzione di 235 pignoramenti stimati al 31.12.2014 ed un totale di 1.362; Taranto di – 33 ed un totale di 749; Avezzano -8 sul totale di 216.

Tra il 2006 e il 2007- data della prima rilevazione sui principali Tribunali italiani- la crescita dei pignoramenti è stata in media del 23%, con aumenti superiori al 20% nelle principali città italiane, a cominciare da Roma e Milano, con aumenti che sfioravano il 29% in centri come Napoli e Venezia e un picco del 41% a L’Aquila, con procedure immobiliari pari, secondo le stime Adusbef, al 3,5% del totale dei mutui, corrispondente, in valori assoluti, a circa 120 mila casi su 3,5 milioni di mutui erogati con un incremento che supera il 100% a partire dal 2008.

Se vengono sommati gli aumenti dei pignoramenti dal 2006 (+23%); 2007 (+19%); 2008 (+22,3%); 2009 (+ 15,7%); 2010 (boom del + 31,8%); 2011 (+5,2%); 2012 (+22,8%); 2013 (+10,3), 2014 (+ 11,6) arriviamo ad un incremento del + 161,7 per cento in nove  anni, con la sparizione totale di una città come Ancona, Bolzano, Terni (o facendo un paragone con uno stato estero, tutti gli abitanti del KOSOVO) la disperazione di 110.000 famiglie che dopo aver fatto sacrifici, colpite dalla crisi sistemica prodotta dall’avidità dei banchieri, si ritrovano nella più totale disperazione per il continuo stillicidio di posti di lavoro falcidiati e per la riforma Fornero, con  migliaia di esodati, senza stipendio né pensione.

Adusbef e Federconsumatori rammentano che a partire dal 2014 Equitalia, che aveva eseguito 2.589 pignoramenti tra il 1.1 ed il 30.4.2014, mentre nell’intero 2013 ne aveva effettuati 5.222 su un totale di beni mobili ed immobili di 11.189 nel 2010, non potrà più procedere a pignoramenti prima casa per immobili di valore inferiore a 120mila euro.

 

 

È boom dei pignoramenti immobiliari, complici l’aumento dei mutui e la difficoltà delle famiglie di far fronte ai crediti.

Tra il 2006 e il 2007 l’incremento ha superato il 20% in tutte le principali città italiane, a cominciare da Roma (+21%) e Milano (+22%), con aumenti che sfiorano il 29% a Napoli e Venezia e arrivano al 27% a Macerata, al 26% a Como, al 25% a Firenze e Monza, al 24% a Torino e Bari, toccando un picco del 41% a L’Aquila. Dove l’incremento è più contenuto, si tocca comunque una percentuale di aumento del 18-19%, come a Padova, Rovigo e Mantova.

Il quadro emerge dalle cifre raccolte dall’Adusbef attraverso un monitoraggio in alcuni dei maggiori Tribunali italiani. Se il trend resterà questo, a fine anno lo scarto medio rispetto al 2006 dovrebbe attestarsi al 23%. Secondo i calcoli dell’associazione dei consumatori, le procedure immobiliari o i pignoramenti sarebbero pari al 3,5% del totale dei mutui, corrispondente, in valori assoluti, a circa 120 mila casi su 3,5 milioni di mutui erogati.

Il tema mutui è al centro di forti tensioni in questi giorni. La mappa tracciata dall’associazione, infatti, arriva alla vigilia del tavolo convocato lunedì al ministero dello Sviluppo economico per rimettere attorno a un tavolo l’Abi, i notai e gli stessi consumatori dopo la rottura che si è consumata nei giorni scorsi sulla portabilità dei mutui, cioè la possibilità di trasferire senza costi da una banca all’altra il mutuo prevista dal decreto Bersani sulle liberalizzazioni.

In base all’analisi effettuata dall’Adusbef, su 3,5 milioni di famiglie che hanno contratto un mutuo per acquistare una casa negli anni scorsi, ben 3,2 milioni, ossia il 91%, sono a tasso variabile e quindi, osserva l’associazione, «suscettibili a ogni ritocco del costo del denaro». Secondo i calcoli dell’Adusbef, dalla prima stretta monetaria Bce del dicembre 2005, che aumentò i saggi dal 2 al 2,25%, le famiglie italiane si sono viste aumentare le rate di ben 116 euro al mese su un mutuo di 100.000 euro.

Un rialzo che, calcolato su base annua, vale 1.400. E rispetto a due anni fa, la rate per pagare i mutui sono aumentate del 40 e anche del 50%. Una situazione, rileva l’associazione, che ha portato un numero crescente di famiglie a non poter onorare le rate dei mutui. Tanto più che oggi, la cifra media chiesta in prestito attraverso un mutuo si è portata a 130.000 euro, mentre si è allungata la durata media dei nuovi mutui erogati: nel 2004, era pari a 18,4 anni, mentre nel 2006 si è attestata a 22,2 anni, il 19,4% in più.

Il fenomeno delle insolvenze è destinato ad allargarsi, secondo l’Adusbef. Per questo l’associazione chiede interventi finalizzati a rinegoziare i mutui senza oneri con allungamento della vita residua o provvidenze sugli interessi a favore delle famiglie più deboli, anche con l’attivazione di fondi di rotazione da parte degli enti locali e del governo, anche utilizzando i cosiddetti conti dormienti delle banche.

Pignoramenti immobiliari, negli ultimi cinque anni 105mila case sono state mandate all’asta

L’adusbef che per l’anno in corso ha stimato un aumento del 10,3%. Un dato che conferma il trend registrato tra il 2008 e il 2012

In quell’arco di tempo i pignoramenti e le esecuzioni immobiliari sono aumentati di circa il 97,8%, arrivando a sfiorare i 47mila. Così nel periodo 2008-2013 si arriva ad oltre 105mila case mandate all’asta

I dati sono stati raccolti dall’adusbef nei principali tribunali alla data del 30 ottobre 2013 e sono stati proiettati al 31 dicembre 2013. Rispetto al 2012, quando i pignoramenti hanno subito una vera e propria impennata aumentando di circa il 23%, nel 2013 sembra ci sia stato un rallentamento della crescita, che comunque non si ferma

L’adusbef ha monitorato i dati di 35 tribunali: in 28 di questi sono stati registrati degli aumenti e solo in 7 delle lievi diminuzioni (avezzano, l’aquila, Latina, Milano, Pescara, sulmona, Teramo)

Ma dove è stata registrata la crescita percentuale maggiore?

– Pignoramenti immobiliari a  Bologna con un + 37,9% p

– Pignoramenti immobiliari a  Rieti con un + 25,4%

– Pignoramenti immobiliari a  Catania con un + 24,2%

– Pignoramenti immobiliari a  Frosinone con + 22,1%

– Pignoramenti immobiliari a  Genova con + 21,5%

– Pignoramenti immobiliari a  Ferrara con + 21,3%

– Pignoramenti immobiliari a  Viterbo con + 21,0 %

– Pignoramenti immobiliari a  Messina con + 19,8%

– Pignoramenti immobiliari a  pesaro con + 19,6%

– Pignoramenti immobiliari a  Bari con + 16%

In termini assoluti abbiamo:

– Pignoramenti a Bologna con + 875 e 3.182 pignoramenti stimati nel 2013

– Pignoramenti a Lecce con + 432 e 4.183 pignoramenti stimati nel 2013

– Pignoramenti a Brescia con + 369 e 4.915 pignoramenti stimati nel 2013

– Pignoramenti a Modena con + 309 e 2.986 pignoramenti stimati nel 2013

– Pignoramenti a Monza con + 260 e 1.976 pignoramenti stimati nel 2013

– Pignoramenti a Roma con + 255 e 3.536 pignoramenti stimati nel 2013

Catania con + 239 e 1.226 pignoramenti stimati nel 2013

Torino con + 215 e 3.436 pignoramenti stimati nel 2013

– Pignoramenti a Rieti con + 198 e 978 pignoramenti stimanti nel 2013

– Pignoramenti a Verona con + 198 e 2670  pignoramenti stimati nel 2013

Adusbef e federconsumatori hanno poi fatto notare che sommando “gli aumenti dei pignoramenti dal 2006 (+23%); 2007 (+19%); 2008 (+22,3%); 2009 (+ 15,7%); 2010 (boom del + 31,8%); 2011 (+5,2%); 2012 (+22,8%); 2013 (+10,3), arriviamo ad un incremento del + 150,1 per cento in otto anni, con la sparizione totale di una città (a scelta) come Udine, andria, Arezzo o Ancona”

 

 

SEDE

E DEL 

TRIBUNALE

PIGNORAMENTI 

ESECUZIONI IMMOBILIARI 2013 (TOTALE PENDENTI SOPRAVVENUTI)

PIGNORAMENTI 

ESECUZIONI IMMOBILIARI STIMATI da Adusbef  2014

DIFFERENZA con il 2013 2014/2013

VARIAZIONI

PERCENTUALI

TRIBUNALE DI AVELLINO 402 425 +23 +5,7
TRIBUNALE DI AVEZZANO 224 216 – 8 – 3,6
TRIBUNALE DI BARI 1.206 1.383 +177 +14,7
TRIBUNALE DI BERGAMO   1.597 1.362 -235 -14,7
TRIBUNALE DI BOLOGNA 2.807 3.182 +375 +13,3
TRIBUNALE DI BRESCIA  1.517 1.628 +111 +7,3
TRIBUNALE DI CAGLIARI 824 947 +123 +14,9
TRIBUNALE DI CATANIA 1.103 1.309 +206 +18,7
TRIBUNALE DI CHIETI 281 288 +7 +2,5
TRIBUNALE DI COMO 1.867 2.109 +242 +12,7
TRIBUNALE DI COSENZA 2.350 2.458 +108 +4,6
TRIBUNALE DI FERRARA  356 432 +76 +21,3
TRIBUNALE DI FROSINONE 348 425 +77 +22,1
TRIBUNALE DI GENOVA   989 1.094 +105 +10,6
TRIBUNALE DI LANCIANO 139 153 +14 +10,1
TRIBUNALE DI LATINA 768 797 +29 +3,8
LECCE 4.183 4.618 +435 +10,4
TRIBUNALE DI MESSINA 348 385 +37 +10,6
TRIBUNALE DI MILANO 4.117 4.553 +436 +10,6
TRIBUNALE DI MODENA 2.888 3.896 +1.008 +34,9
TRIBUNALE DI MONZA 1.716 1976 +260 +15,2
TRIBUNALE DI NAPOLI 1.853 2.045 +192 +10,4
TRIBUNALE DI PESARO 578 696 +118 +20,4
TRIBUNALE DI PESCARA 516 568 +52 +10,1
TRIBUNALE DI PRATO 369 407 +38 +10,3
TRIBUNALE DI RIETI 978 1.085 +107 +10,9
TRIBUNALE DI ROMA 3.536 3.903 +367 +10,4
TRIBUNALE DI SALERNO 870 968 +98 +11,2
TRIBUNALE DI SONDRIO 426 568 +142 +33,3
TRIBUNALE DI SULMONA 109 135 +26 +23,9
TRIBUNALE DI TARANTO 782 749 -33 -4,2
TRIBUNALE DI TERAMO 572 621 +49 +8,6
TRIBUNALE DI TORINO  3.436 3.807 +371 +10,8
TRIBUNALE DI VERONA 2.670 2.908 +238 + 8,9
TRIBUNALE DI VITERBO 432 510 +78 +18,1
TOTALE dei 35 tribunali monitorati 47.157 52.606 + 5.449 + 11,6 %

Focus sulle esecuzioni immobiliari

ESECUZIONI IMMOBILIARI:FOCUS SULLE PROCEDURE ESECUTIVE

APPROFONDIMENTO SULLE ESECUZIONI IMMOBILIARI

Si tratta della procedura promossa, avanti al Giudice dell’esecuzioni immobiliari del Tribunale di competenza in cui insiste l’immobile.

In pratica nelle esecuzioni immobiliari ,Il creditore che ha eseguito il pignoramento dei beni di proprietà del debitore esecutato, munito di titolo esecutivo, entro novanta giorni dalla notifica del pignoramento al debitore deve presentare in Cancelleria l’istanza di vendita dell’immobile pignorato e la relativa documentazione ipotecaria e/o catastale.

esecuzioni immobiliari : La nomina del CTU

Successivamente, il giudice dell’esecuzioni immobiliari, nomina un Consulente Tecnico d’Ufficio scegliendolo tra gli ingegneri, architetti o geometri iscritti ad un apposito albo incaricandolo di redigere una perizia di stima dell’immobile, assegnandogli di norma un termine di novanta giorni.

Sulla scorta degli elementi conoscitivi forniti dal CTU, il giudice emette l’ordinanza di vendita dell’immobile, fissando il giorno dell’incanto e determinando le modalità per parteciparvi.

Di tale provvedimento il Cancelliere dà pubblica notizia mediante affissione del bando d’asta all’albo del Tribunale e pubblicazione del medesimo su determinati organi di stampa ed informatici.

Ove l’incanto risultasse deserto per mancanza di offerte d’acquisto, il giudice fissa nuovi esperimenti d’asta ribassando il prezzo di base, se del caso, fino ad un quinto del valore dell’immobile.

Occorre inoltre sapere che non sempre, una volta iniziata la procedura esecutiva (fase finale delle esecuzioni immobiliari), è certa la vendita dell’immobile; infatti, gli adempimenti necessari per addivenire all’incanto sono lunghi e laboriosi, dal pignoramento all’asta trascorrono alcuni anni.In questo periodo di tempo l’esecutato ha la possibilità di pagare i propri debiti ovvero chiedere la conversione del pignoramento. In tali casi il giudice estingue l’esecuzione ovvero sospende l’asta.
 

LE ESECUZIONI IMMOBILIARI: APPROFONDIMENTO
Si tratta della procedura disciplinata dal libro III, titolo II, capo IV del codice di procedura civile, recentemente investita dalla riforma del processo di esecuzione attuata dal D.L. 35/2005 (c.d. decreto sulla competitività) convertito nella L. 80/2005, entrata in vigore dal 1 gennaio 2006. E’ promossa dal creditore, munito di titolo esecutivo, con la notifica dell’atto di precetto e la trascrizione, entro i successivi 90 giorni, del pignoramento. Giudice competente è il Tribunale del luogo ove insiste il compendio immobiliare pignorato, nanti il quale il creditore munito di titolo esecutivo, trascorso il termine minimo dilatorio di 10 giorni dal pignoramento, può chiedere con ricorso la vendita, allegando, entro il termine perentorio di decadenza di 120 giorni ( nuovo testo art. 567 2° co. C.p.c.) dal deposito dello stesso, prorogabile una sola volta per giusti motivi, la documentazione catastale, la certificazione di destinazione urbanistica e dei pubblici registri immobiliari ovvero certificazione notarile sostituiva. Entro 30 giorni dal deposito, il Giudice nomina un esperto che sarà incaricato di valutare i beni pignorati, fissando apposita udienza, per i successivi 90 giorni, a conclusione della quale, se non vi sono opposizioni o se su di esse le parti raggiungono un accordo, il G. E. dispone la vendita senza incanto (nuovo testo art. 569 3° co. C.p.c.) indicando il termine, non inferiore a 90 giorni e non superiore a 120, per il deposito delle offerte di acquisto nelle forme e nei modi prescritte dal codice di rito ( nuovo testo art. 571 2° e 3° co. C.p.c.). Con la stessa ordinanza il G. E. fissa altra udienza per il giorno successivo alla scadenza del predetto termine, nella quale si provvederà al vaglio delle offerte presentate e indica le modalità dell’eventuale successiva vendita con incanto per il caso in cui quella senza incanto non abbia luogo per mancanza di offerte, per inefficacia o inadeguatezza delle stesse o per qualsiasi altra ragione. Nell’indicare le modalità della vendita con incanto (giorno, ora, luogo, prezzo base d’asta, termine di pagamento del prezzo, etc), il G.E. stabilisce anche l’ammontare della cauzione da versare per parteciparvi, che non potrà comunque esser superiore ad 1 decimo del presso base d’asta ( nuovo testo art. 576 c.p.c.). L’avviso d’asta è pubblicato nell’albo dell’ufficio giudiziario nanti al quale pende la procedura esecutiva e nei principali quotidiani di informazione locale o, se ritenuto opportuno, nazionale o in altri mezzi di diffusione. L’avviso unitamente all’ordinanza e alla relazione di stima è altresì inserito in appositi siti internet ( nuovo testo art. 490 2° e 3° co. c.p.c.) Con l’ordinanza con cui il G.E. dispone in ordine alla custodia dell’immobile, nelle more della procedura esecutiva, sono stabilite anche le modalità con cui il custode deve consentire agli interessati di esaminare il bene in vendita.( nuovo testo art. 560 6° co. c.p.c.). Le operazioni di vendita possono dal G.E. essere delegate ad un notaio, preferibilmente con sede nel circondario ove di trova l’ufficio giudiziario procedente ovvero ad un avvocato, commercialista od esperto contabile, iscritti in appositi elenchi.

 

ESECUZIONI IMMOBILIARI , LO SVOLGIMENTO DELLE ASTE VENDITA SENZA INCANTO

E’ la forma di vendita che in via preliminare e necessaria deve esser esperita prima di disporre quella con incanto. Chiunque può parteciparvi, sia persona fisica che giuridica, ad eccezione del debitore esecutato. L’offerta si presenta con dichiarazione resa nella cancelleria dell’ufficio giudiziario procedente, contenente l’indicazione del prezzo, del tempo e delle modalità di pagamento e ogni altro elemento utile a valutare la stessa. L’offerta, irrevocabile per 20 giorni se non è indicato un termine più ampio, non è efficace se perviene oltre il termine indicato dal G.E. nell’ordinanza di vendita, non inferiore a 90 giorni e non superiore a 120 ovvero se è inferiore al valore di stima ovvero, ancora, se non è versata la cauzione secondo le modalità indicate nella medesima ordinanza, che deve esser non inferiore a 1 decimo del prezzo offerto (nuovo testo art. 571 2° co. .cp.c.) L’offerta è depositata in busta chiusa entro la quale dovrà pure esser contenuto l’assegno circolare portante la cauzione se è stabilito che questa debba esser versata in detta forma. Nell’udienza, fissata nell’ordinanza di vendita per il giorno successivo alla scadenza del termine utile per la presentazione delle offerte, queste vengono valutate. Se l’offerta è unica ed è superiore al valore di stima di almeno 1 quinto, essa è senz’altro accolta; in caso contrario, se vi è opposizione da parte del creditore procedente ovvero se il G.E. ritiene che il bene possa esser meglio venduto all’incanto, si procede con tale forma di vendita.( nuovo testo art. 572 2° e 3° co. C.p.c.) Qualora le offerte siano più d’una, il G.E. invita gli offerenti ad una gara e se non vi è adesione da parte degli stessi, dispone la vendita a favore di chi ha presentato la migliore offerta ovvero ordina l’incanto.

 

VENDITA IMMOBILIARE CON INCANTO
La vendita con incanto ha luogo solo se la vendita senza incanto, che costituisce ora una fase preliminare e necessaria, non ha potuto aver luogo o non ha dato esito positivo per assenza di offerte, inefficacia o inadeguatezza delle stesse. ( nuovo testo art. 569 3° co c.p.c.)

Chiunque può partecipare, persona fisica o giuridica, ad eccezione del debitore esecutato, con la presentazione di una istanza, unitamente (a due marche da bollo rispettivamente da € 14,62 e 1,81 ) l versamento del deposito cauzionale nell’ammontare disposto dal Giudice con l’ordinanza di vendita, entro il termine e con le modalità indicate nel medesimo provvedimento. Se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita, salvo che lo stesso abbia omesso di presenziare all’asta senza documentato e giustificato motivo.

In tal caso la cauzione è restituita nella misura dei 9 decimi.( nuovo testo art.580 2° co .c.p.c.) Nei dieci giorni successisi all’aggiudicazione, ancora provvisoria, possono esser fatte nuove offerte per un prezzo superiore di almeno 1 quinto rispetto a quello raggiunto nell’incanto. (nuovo testo art. 584 c.p.c.) Le offerte si presentano nelle stesse forme e secondo le medesime modalità prescritte per la vendita senza incanto, versando però una cauzione pari al doppio di quella stabilita per il precedente incanto. Accertata la regolarità delle offerte, si indice nuova gara d’asta, che viene comunicata all’aggiudicatario e della quale viene data pubblicità nelle medesime forme previste per il primo incanto, con fissazione del termine perentorio entro il quale possono ancora esser presentate le offerte. Alla gara possono partecipare, oltre agli offerenti in aumento di 1 quinto e l’aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, nel termine prescritto, abbiano provveduto ad integrare la cauzione già versata. In caso di diserzione dalla gara, l’aggiudicazione diviene definitiva e il G.E. dispone la perdita integrale della cauzione prestata dagli offerenti.

Qualora l’asta non abbia luogo per mancanza di offerte e se non vi sono domande di assegnazione da parte dei creditori o se il G.E. ritiene di non accoglierle, può esser disposto nuovo incanto, eventualmente con diverse modalità di esecuzione e forme di pubblicità, fissando un prezzo base d’asta inferiore di 1 quinto.

L’aggiudicatario definitivo deve corrispondere il saldo del prezzo, anche mediante erogazione di finanziamento, nel termine indicato dal G.E. nell’ordinanza che ha disposto la vendita, che non può essere superiore a 60 giorni. Avvenuto il pagamento del prezzo il G.E. può ancora sospendere la vendita qualora ritenga che il prezzo offerto sia notevolmente inferiore a quello giusto altrimenti pronuncia decreto di trasferimento ordinando la cancellazione delle trascrizioni ed iscrizioni che gravano sul bene. Qualora l’aggiudicatario non provveda al pagamento dell’intero prezzo nel termine prescritto, il G.E. dichiara la decadenza dall’aggiudicazione con perdita della cauzione versata e dispone nuovo incanto. Se il prezzo che se ne ricava, unito alla cauzione trattenuta, è inferiore a quello del precedente incanto, l’aggiudicatario dichiarato decaduto è tenuto a pagarne la differenza.

 

ESECUZIONI IMMOBILIARI : IL DECRETO DI TRASFERIMENTO
E’ il provvedimento del G.E. mediante il quale l’aggiudicatario acquista il diritto di proprietà sull’immobile oggetto della procedura esecutiva. E’ l’equivalente dell’atto di compravendita redatto da notaio. Con esso è ordinata la cancellazione delle trascrizioni ed iscrizioni ipotecarie precedenti e successive alla trascrizione del pignoramento che ha dato avvio alla procedura esecutiva. Il decreto costituisce titolo esecutivo per il rilascio dell’immobile da parte di eventuali occupanti.

 

Link ai Tribunali

esecuzioni immobiliari,Tribunali dell’Abruzzo:

Tribunale di Chietiwww.tribunalechieti.it

esecuzioni immobiliari Tribunali della Basilicata:

Tribunale di Potenza (ex Melfi)www.tribunaledimelfi.net

esecuzioni immobiliari

esecuzioni immobiliari Tribunali della Calabria:

esecuzioni immobiliari Tribunali della Campania:

esecuzioni immobiliariTribunali dell’Emilia-Romagna:

Corte d’Appello di Bolognawww.giustizia.bologna.it

 esecuzioni immobiliariTribunali del Friuli-Venezia Giulia:

 esecuzioni immobiliari Tribunali del Lazio:

Tribunale di Viterbowww.tribunaleviterbo.it

 esecuzioni immobiliariTribunali della Liguria:

Tribunali della Lombardia
Distretto di Milano

Altri Tribunali della Lombardia:

Esattorie:

Portale dei Fallimenti:

Tribunali delle Marche:

Tribunali del Molise:

Tribunale del Piemonte:

Tribunali della Puglia:

Tribunali della Sardegna:

Tribunale di Cagliariwww.tribunaledicagliari.net

Tribunali della Sicilia:

Tribunali del Trentino-Alto Adige:

Tribunale di Bolzanowww.tribunale.bolzano.it

Tribunali della Toscana:

Tribunali dell’Umbria:

Tribunale di Orvietowww.tribunaleorvieto.com

Tribunale di Spoletowww.tribunaledispoleto.it

Tribunali della Valle d’Aosta:

Tribunale di Aostawww.tribunale.aosta.giustizia.it

 

Vendita della casa all’asta:Come evitare che avvenga

vendita della casa all’asta

La vendita della casa all’asta,come evitarla o bloccarla:

Vendita della casa  all’ asta ,è il tema di questa dell’ articolo,vedremo insieme come e perchè vengono venduti gli immobili (case,appartamenti ,negozi ,capannoni ecc.ecc) alle aste giudiziarie;

Vendita della casa all’asta,scopriamo il meccanismo:

La vendita della casa all’asta  è l’ultimo step della procedura esecutiva che deriva da un debito pregresso diventato poi  pignoramento immobiliare. In pratica il creditore che deve recuperare un credito dovuto dal  debitore proprietario di un immobile intraprende un azione legale .

Prima che il creditore possa chiedere la vendita della casa all’ asta deve esperire delle formalità:

  • deve notificare al debitore l’atto di precetto con il quale intima il pagamento della somma dovuta sulla base di un titolo esecutivo
  • presentare l’istanza di vendita del bene immobile

Sono titoli esecutivi:

  • le sentenze;
  • i provvedimenti del giudice, per esempio i decreti ingiuntivi;
  • le cambiali e gli assegni bancari e postali;
  • gli atti ricevuti stipulati dal notaio, relativamente alle obbligazioni di somme di denaro in essi contenute, per esempio un contratto di compravendita.

Il termine indicato dal precetto per il pagamento non può essere inferiore a dieci giorni,solitamente vengono concessi quaranta giorni, a meno che il giudice non autorizzi l’esecuzione immediata se vi sia il pericolo che il debitore possa trasferire o nascondere i suoi beni (articolo 482 c.p.c.) ma questa formula viene applica molto raramente.

La vendita della casa all’asta: Quando ?

Trascorsi  i termine indicati per il pagamento richiesto nel precetto, il creditore attraverso l’intervento dell’ ufficiale giudiziario notifica l’atto di pignoramento che viene poi trascritto nella  conservatoria dei registri immobiliari, così da rendere inefficaci e inopponibili al creditore procedente eventuali vendite successive.

Dalla data del pignoramento devono trascorrere non meno di dieci giorni, pena la nullità dell’istanza, affinché il creditore possa proporre al giudice l’istanza di vendita del bene, che entro 120 giorni deve essere completata con l’estratto del catasto, i certificati delle iscrizioni e trascrizioni relative all’immobile effettuate nei venti anni anteriori al pignoramento.

Il giudice se valuta insufficiente la documentazione allegata può dichiarare l’inefficacia del pignoramento. Il giudice metterà in atto tutti i passaggi per la vendita giudiziaria dell’ immobile ovvero:

  • la stima del bene
  • le modalità
  • la data della vendita

Se vi sono delle opposizioni agli atti esecutivi da parte del debitore, il giudice le esamina e decide con sentenza sé ed  in che termini si procederà alla vendita della casa all’ asta.

Come bloccare un’asta immobiliare e salvare la casa in vendita all’ asta

Contro una procedura esecutiva il debitore ha diversi mezzi a disposizione per difendersi o per limitare le conseguenze negative della vendita giudiziaria dell’ immobile:

  • Opposizione al precetto, il debitore può contestare davanti al giudice la somma richiesta l’ammontare della somma ingiunta
  •  Il debitore si può opporre per chiedere la nullità dell’atto per vizi formali.
  • Dopo il pignoramento può presentare ricorso al giudice dell’esecuzione per eccepire la non pignorabilità dei beni sottoposti a pignoramento.
  • Se il debitore non ha appigli giuridici per opporsi può chiedere al giudice, come stabilito dall’articolo 495, di sostituire il bene pignorato con una somma equivalente a quella dovuta al creditore aumentata delle spese di esecuzione. Il giudice, se si tratta di beni immobili, con la stessa ordinanza può disporre che il debitore versi con rate mensili entro il termine massimo di diciotto mesi la somma dovuta. Se il debitore non versa le rate o ritarda di oltre 15 giorni il pagamento, il giudice dispone la vendita del bene.
  • Se la conversione non è possibile per mancanza di liquidità il debitore, con il consenso dei creditori, può chiedere una sospensione della procedura ai sensi dell’articolo 624 bis c.p.c. per bloccare la vendita della casa all’asta fino a pochi giorni prima della vendita del bene. Il giudice può accordare tale sospensione solo una volta e per un termine massimo di 24 mesi.
  • In ogni momento, è possibile ottenere l’estinzione della procedura esecutiva e l’ordine di cancellazione del pignoramento attraverso un accordo transattivo con i creditori , evitando cosi la vendita della casa all’asta

 Il tuo immobile è all’ asta?

Se il tuo immobile (apparmento, casa ,villa, negozio ,garage ,capannone ) è stato  pignorato e ora il tribunale sta tentando di venderla all’asta, ma nonostante i  le aste che si sono tenute ed ribassi del prezzo conseguenti  nessuno la vuole acquistare, abbiamo diverse possibiità per chiudere la procedura e farti riprendere il tuo immobile

 

 

Partecipare alle aste immobiliari: Chi e come partecipare alle aste

Come partecipare alle aste immobiliari:

Chiunque può partecipare alle aste immobiliari . La partcipazione alle aste immobiliari è aperta a tutti a parte il debitore

Il codice di procedura civile, all’art. 579, prevede che “ognuno, eccetto il debitore, è ammesso a fare offerte all’incanto”. Non è prevista la necessità della rappresentanza tecnica. Le offerte, infatti, possono essere fatte personalmente o a mezzo di mandatario munito di procura speciale.

Al tuo posto ,può partecipare un procuratore speciale (munito di procura notarile )o il tuo avvocato ,anche in forma anonima ,purchè successivamente alla vendita(entro tre giorni) si rechi a dichiarare le generalità dell’ acquirente.

Partecipare alle aste immobiliari attraverso un’ avvocato:

E’ anche possibile che il procuratore legale possa fare offerte per persona da nominare ma, in tal caso, nell’ipotesi di aggiudicazione, sarà indispensabile dichiarare in Cancelleria, nei tre giorni successivi all’aggiudicazione, il nome della persona per la quale è stata effettuata l’offerta. L’aggiudicazione altrimenti diverrà definitiva a nome del procuratore (art. 583 c.p.c.).

Delegare un professionista a partecipare alle aste immobiliari al tuo posto:

Ultimamente molte persone delegano un professionista alla partecipazione alle aste immobiliari,come e perchè?

Anzi tutto, bisogna precisare che occorre sottoscrivere una procura notarile ove siano riportati i dati del bando di vendita e definito in anticipo il prezzo massimo dell’ultimo rilancio.

un professionista esperto  è in grado di gestire le dinamiche dei rilanci con un’ atteggiamento completamente diverso rispetto al concorrente occasionale che a volte spreca diverse migliaia di €uro

Prima di partecipare alle aste immobiliari :

Bisogna leggere e rispettare integralmente il bando ,inoltre è indispensabile aver prestato la cauzione che, nella vendita senza incanto, non può essere inferiore al decimo del prezzo proposto dall’offerente stesso, mentre nella vendita con incanto è stabilita dal giudice dell’esecuzione nell’ordinanza di vendita .

Vi racconto una storia, premesso che: ho iniziato a partecipare alle aste immobiliari nel 1999 (bei tempi)

Ricordo una vendita per una una casa singola  base d’asta 108.000 euro e valore commerciale di 200.000 euro, più di cinque anni fa. Due concorrenti se lo contesero a suon di  rilanci che lasciarono basiti molti  presenti, fino a che una dei due (i rilanci erano liberi) rilanciò di 10.100,00 €uro e l’ altro per errore rilanciò di €100.000,00 purtroppo lo sfortunato aggiudicatario si ritrovò con un agiiudicazione fuori prezzo , infatti acquistò  per € 289.000 euro.

Concludo con un cosiglio:

Se volete acquistare e vendere immobili alle aste immobiliari abitualmente preparatevi attraverso una formazione

se invece ,volete partecipare alle aste immboliari per acquistare “una volta ” e basta ,delegate un professionista esperto. Perchè? La gestione della procedura apparentemente chiara e semplice, non preserva dai rischi; un professionista che lavora nel settore, ha maturato un esperienza  notevole.

Personalmente ho vissuto innumerevoli situazioni relative alle aste immobiliari con soggetti impreparati o improvvisatori che poi si sono ritrovati o a dover porre rimedio a situazioni complesse o addirittura si erano aggiudicati fu rimesso all’asta.

AD OGNUNO IL SUO MESTIERE: Sono sempre più convinto che in ambito professionale ogni persona abbia la prorpia specializzazione, e la mia è prorpio questa : partecipare alle aste immobiliari,per mio conto,per investitori o semplicemente per chi voglia acquistare un’ immobile.

Ho maturato un esperienza quasi ventennale necessaria a pianificare, gestire e risolvere le situazioni al momento, ho partecipato a centinaia o forse miglia di aste immobiliari ,spesso con successo. Ho  deciso di mettere a disposizione dei clienti la mia esperienza in materia (ma non accetto l’ icarico se non condivido il programma).

Se vuoi partecipare ad un’asta immobiliare  senza  rischi approfondisci e .

Se hai un qusito o  domande puoi contattarmi senza impegno per ricevere ogni chiarimento.

 

Pignoramento immobiliare

L’espropriazione forzata inizia con l’atto di pignoramento il quale viene considerato il primo atto esecutivo vero e proprio

aste giudiziarie : Ordinanza di vendita

Aste giudiziarie : Oggi  Focus sull’ ordinanza di Vendita

žIl giudice delle esecuzioni con l’ordinanza di vendita stabilisce le condizioni e i termini della vendita all’asta

Il contenuto dell’ordinanza di vendita di immobili all’ asta:

il giudice nell’ ordinanza stabilisce tutte le condizioni della vendita anche il delegato:

infatti ordina žse si deve tenere alla sua presenza o essere delegata ad un professionista;

žil prezzo base;

ži termini e le modalità del deposito della cauzione;

žla data ultima per la presentazione delle offerte;

žl’udienza per la gara tra gli offerenti;

žil termine entro il quale deve essere versato il pagamento del residuo prezzo (il prezzo di aggiudicazione detratta la cauzione già versata).

 

 

come partecipare ad un asta

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Nam cursus. Morbi ut mi. Nullam enim leo, egestas id, condimentum at, laoreet mattis, massa. Sed eleifend nonummy diam. Praesent mauris ante, elementum et, bibendum at, posuere sit amet, nibh. Duis tincidunt lectus quis dui viverra vestibulum. Suspendisse vulputate aliquam dui. Nulla elementum dui ut augue. Aliquam vehicula mi at mauris. Maecenas placerat, nisl at consequat rhoncus, sem nunc gravida justo, quis eleifend arcu velit quis lacus. Morbi magna magna, tincidunt a, mattis non, imperdiet vitae, tellus. Sed odio est, auctor ac, sollicitudin in, consequat vitae, orci. Fusce id felis. Vivamus sollicitudin metus eget eros.

Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. In posuere felis nec tortor. Pellentesque faucibus. Ut accumsan ultricies elit. Maecenas at justo id velit placerat molestie. Donec dictum lectus non odio. Cras a ante vitae enim iaculis aliquam. Mauris nunc quam, venenatis nec, euismod sit amet, egestas placerat, est. Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Cras id elit. Integer quis urna. Ut ante enim, dapibus malesuada, fringilla eu, condimentum quis, tellus. Aenean porttitor eros vel dolor. Donec convallis pede venenatis nibh. Duis quam. Nam eget lacus. Aliquam erat volutpat. Quisque dignissim congue leo.