Rischi aste giudiziarie

Rischi aste giudiziarie


Quali sono i rischi delle aste immobiliari?

E bene precisare che gli immobili si vendono  nello stato di fatto e diritto in cui si trovano e senza alcuna garanzia per evizione e/o pretese di terzi anche di eventuali conduttori

Partecipare ad un asta giudiziaria è alla portata di tutti, ma partecipare in maniera intelligente e cercando di azzerare o comunque minimizzare al massimo il rischio è una competenza che solo chi ha già dimestichezza in materia è in grado di praticare.

I rischi delle aste immobiliari sono numerosi ed in taluni casi sono difficilmente risolvibili, soprattutto perché nel periodo attuale chiunque cerca di applicare delle soluzioni a protezione del proprio patrimonio,specialmente quando sono consapevoli di trovarsi a rischio aste.

  • Chi compra all’asta un bene è liberato da ogni posizione debitoria, ma l’effetto depurativo non vale per le spese condominiali.
  • Chi acquista l’immobile è tenuto al pagamento dei contributi condominiali relativi all’anno in corso e a quello precedente (art. 63 comma 2 Disp. att. c.c.).
  • Gli immobili potrebbero essere sottoposti a sequestro giudiziario
  • Gli immobili potrebbero rivelarsi occupate senza regolare contratto di affitto
  • Potrebbero esserci delle omissioni o degli errori nella perizia
  • Gli immobili occupati da un inquilino moroso: questo allunga molto i tempi di disponibilità dell’immobile, e le spese per la liberazione dello stabile sono tutte a carico del nuovo proprietario.
  • Occupati da un conduttore con contratto a lungo termine perltro interamente quietanzato
  • Abusi edilizi –costi per sanatorie
  • I diritti dei terzi

 

Condivisioni 0
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *